Domande frequenti

Acquistare il prodotto

Roll-Line non vende direttamente a privati. Per aver maggiori info circa disponibilità e prezzi, rivolgiti ad uno dei nostri rivenditori ufficiali.

Roll-Line® non vende direttamente a privati. Questo perché i prodotti Roll-Line® sono articoli tecnici che richiedono i consigli di un negoziante esperto. Puoi comunque trovare i tuoi prodotti preferiti negli e-commerce dei nostri rivenditori ufficiali.

Rivolgiti al tuo rivenditore di fiducia presso cui hai effettuato l’acquisto.
Roll-Line è in costante contatto con i suoi rivenditori ufficiali. Risolveremo il tuo problema molto velocemente.

Roll-Line risponde molto velocemente alle richieste di informazioni inviate alla mail info@roll-line.com ma per l’acquisto o la sostituzione delle parti di ricambio devi sempre rivolgerti ad uno dei nostri rivenditori ufficiali.

Telai

Roll-Line® ha creato un telaio specifico per ogni livello o disciplina fra quelle elencate nel menù del sito.
Consulta le tabelle comparative dei telai per avere maggiori informazioni.

Il telaio va scelto in base alla scarpa.
Ad ogni misura di scarpa corrisponde una misura di telaio. Roll-Line ha creato delle tabelle stilate in collaborazione con le principali ditte produttrici di scarpe che indicano la taglia di telaio suggerita.
Qui trovi quella per il quad artistico, qui della dell’in-line, qui quella dell’hockey e qui quella del Rollerderby.

La misura dei telai è calcolata in base alla distanza (espressa in millimetri) fra l’asse anteriore e quello posteriore. Ad esempio, un telaio 150 avrà come interasse esattamente 150 millimetri. Ovviamente la piastra ha una lunghezza totale maggiore rispetto alla misura. La regola dice che per ottenere la lunghezza totale bisogna aggiungere 90 millimetri alla misura. Ad esempio, un telaio 150 sarà lungo 240 millimetri e così via.
Guarda questa scheda per maggiori chiarimenti.

L’operazione di assemblaggio è un’operazione abbastanza complessa che richiede una certa dose di esperienza e manualità. Ti consigliamo di rivolgerti sempre presso uno dei nostri rivenditori ufficiali che offrirà la sua professionalità.
Se vuoi avere maggiori informazioni su come deve essere posizionato il telaio rispetto alla scarpa puoi guardare questo approfondimento.

Dipende essenzialmente da due fattori.
Il principale è la taglia di scarpe: se il tuo piede e cresciuto è molto probabile che ti serva anche un telaio più lungo; anche nel caso in cui in precedenza sia stata usata una scarpa troppo lunga, la misura del telaio deve essere verificata. Se invece rinnovi la scarpa usurata per prenderne una nuova della stessa misura, con molta probabilità il tuo vecchio telaio può continuare ad essere usato. Ti consigliamo però di rinnovare tutte le parti di consumo.
Per avere maggiori informazioni su come deve essere posizionato il telaio rispetto alla scarpa puoi guardare questo approfondimento.
Il secondo fattore che bisogna considerare è il livello raggiunto. Se sono stati fatti progressi e si opta per una scarpa di livello superiore alla precedente, anche il telaio dovrebbe seguire lo stesso principio. In questo caso il tuo allenatore o uno dei nostri rivenditori ufficiali saprà sicuramente consigliarti per il meglio.

Ruote

Dipende principalmente dalla disciplina che pratichi. Roll-Line® ha creato ruote specifiche per il libero, la danza, l’obbligatorio, l’hockey, il rollerderby e l’in-line.
Nel caso del libero, puoi anche valutare il tipo di ruota in base al tuo livello. Un altro fattore cruciale è il tipo di pavimento su cui ti alleni: è molto importante scegliere la durezza più appropriata per garantirti una prestazione ottimale ed evitare consumi eccessivamente rapidi. In questo caso il tuo allenatore o uno dei nostri rivenditori ufficiali saprà sicuramente consigliarti per il meglio.

Molto spesso è consigliato incrociare ruote di diversa durezza per ottimizzare le prestazioni. Le ruote infatti si possono suddividere in ruote di scorrimento e ruote perno. È anche possibile mischiare ruote di diverso materiale quali quelle in elastomero (tendenzialmente più veloci) e quelle in poliuretano (dotate in genere di più grip).
In questa scheda troverai alcuni esempi pratici su come effettuare gli incroci correttamente.

La durezza delle ruote dipende dal tipo di superficie sui cui si pattina. Se sei alle prime armi un solo treno di ruote Boxer può essere sufficiente. Man mano che il livello aumenta, le esigenze si fanno diverse e quindi potresti avere bisogno di alcune ruote più morbide da usare come ruote perno e di altre più dure da usare come di scorrimento. Bisogna anche tenere presente che fattori quali umidità, polvere etc. possono influire sulla tenuta delle superfici e che non sempre il tipo di superficie dove ci si allena è simile a quello dove si svolgono le gare. Per questo motivo è preferibile avere una varietà di diverse tipologie di ruote in funzione di dove si svolgono gli allenamenti e le gare.

Si consiglia di sostituire tempestivamente le ruote per garantire un’ottima prestazione dell’attrezzo. Le ruote vanno sostituite quando presentano una forma conica laterale come indicato in questa scheda. Il cambio delle ruote non necessita di un tempo di adattamento ma è necessario verificare che le ruote abbiano uno stato di usura quanto più simile fra loro. Per maggiori info su come effettuare il cambio delle ruote, puoi visionare il video tutorial.

In genere le piste esterne in cemento necessitano di ruote più dure (57-60) rispetto a quelle usata indoor.
Se invece vuoi pattinare per strada, ti consigliamo di utilizzare le ruote Helium.

Si, le ruote in elastomero (Giotto, Magnum, Devil) sono tendenzialmente più scorrevoli, mentre le ruote in poliuretano (Fox, Panther, Mustang, Leopard) garantiscono in genere un maggiore grip.
L’utilizzo combinato delle due tipologie può molto spesso essere utile a trovare un giusto equilibrio fra grip e scorrevolezza.
In questa scheda troverai alcuni esempi pratici su come effettuare gli incroci correttamente.

Le ruote Magnum e le Giotto hanno un profilo battistrada differente che rende le ultime più agili e veloci.
Le Giotto inoltre sono riconoscibili per la superficie cromata che le contraddistingue.
Le Giotto sono una ruota di livello superiore rispetto alle Magnum.

Anche se all’apparenza possono sembrare simili, le collezioni Professional e Devil sono molto diverse. Le ruote Professional (Fox, Panther, Mustang, Leopard) hanno il battistrada in poliuretano, sono tendenzialmente più aderenti e possono essere usate come ruote perno su superfici particolarmente scivolose o comunque ogni volta che si sente la necessità di un maggiore grip. Date le loro caratteristiche, le Professional garantiscono una maggiore tenuta ma possono ridurre un po’ lo scorrimento a differenza delle Devil che invece, grazie al loro battistrada in elastomero e al loro ampio range di durezze, sono in grado di fornire contemporaneamente un ottimo grip (specialmente nelle durezze più morbide) senza compromettere lo scorrimento. Le Professional e le Devil possono essere usate insieme mischiandole fra di loro.

Le ruote da Libero sono le Boxer, le Magnum, le Giotto, le Devil e le Professional. Tutte in diametro 57 (Magnum e Giotto disponibili anche in diametro 55).

Le ruote da Obbligatorio sono le Magnum e le Giotto. Tutte in diametro 63.

Le ruote da Danza sono le ICE in diametro 61.

Le ruote da Hockey sono le Centurion (in diametro 62).

Le ruote da In-Line sono le Zero che hanno diametro 64,68,72,76 a seconda della taglia del telaio Linea.

Tutte le ruote sono compatibili con i cuscinetti specifici per il pattinaggio (Diametro esterno 22mm x 7mm di profondità).
Per il Rollerderby e l’In-Line viene molto spesso preferita la tipologia 608 (8mm), mentre per tutte le altre discipline si usa la tipologia 627 (7mm). A seconda del tuo livello esistono cuscinetti più performanti fra cui puoi scegliere.
In questa scheda trovi maggiori informazioni.

I distanziali (disponibili come accessorio con il codice STDI92) sono fortemente raccomandati per molti motivi: aiutano a posizionare i cuscinetti in posizione parallela; migliorano le performance dei cuscinetti aumentandone lo scorrimento; l’asse della crociera viene rinforzato riducendo il rischio di piegamenti o rotture.

Sì, le ruote possono essere lavate! L’importante è, innanzitutto, assicurarsi di togliere i cuscinetti. In seguito si può procedere con un passaggio con uno strofinaccio per eliminare la polvere più superficiale. Eliminare l’eventuale presenza di strass. Mettere acqua tiepida e poco sapone neutro in un recipiente e lavare con una spugna avendo cura di non utilizzare la parte abrasiva. Evitare l’utilizzo di sostanze aggressive quali alcool, benzina, trielina etc. che possono alterare la superficie delle ruote. Asciugare con un panno liscio che non lasci residui.

Freni

Ad ogni colore di freno corrisponde un diverso livello di abrasione, grip ed elasticità.
Questa tabella comparativa riassume tutte le caratteristiche dei freni.

È importante specificare che la scelta del freno non dovrebbe dipendere dal suo colore. Il colore infatti è il modo per distinguere il freno per le sue caratteristiche tecniche. La scelta quindi è dettata dal livello (un freno più performante, come ad Esempio quello Ambra, aiuta nell’esecuzione dei salti), talvolta dal peso (un freno più morbido, come ad esempio quello Cappuccino, può essere preferito da atleti/e leggeri/e) ed infine dal suolo (superfici particolarmente ruvide come quelle esterne possono richiedere un freno più duro come ad esempio quello Grigio o Bianco).

Dipende dalle tue abitudini di gioco: nel freno tondo, la forma tondeggiante aiuta il veloce cambio di direzione mentre i fori superficiali aiutano le ripartenze veloci. Il freno Hockey ha una superfice di appoggio più ampia che è studiata per massimizzare il potere frenante e allo stesso tempo ottenere il massimo di spinta nelle ripartenze veloci.

Il freno deve essere sostituito tempestivamente per garantire un’ottima prestazione dell’attrezzo. In questa scheda viene indicato il massimo consumo del freno. L’usura eccessiva del freno può portare alla fuoriuscita di parti metalliche che possono risultare pericolose e che possono danneggiare le superfici delicate (es: legno, parquet).
CONSIGLIO: è preferibile non sostituire i freni  a ridosso delle gare (meno di 1 settimana). Il cambio dei freni comporta una variazione del comportamento dell’attrezzo che necessita di un tempo congruo di adattamento.
Per maggiori info su come effettuare il cambio dei freni, puoi visionare il video tutorial.

La distanza da terra consigliata è circa un dito o meno. Per evitare danni indesiderati, assicurati di non svitare lo stelo del puntale al di sotto della vite di bloccaggio. È importante: verificare la corretta chiusura della vite blocca freno, controllando che il freno non ruoti; controllare la presenza di grasso sulla vite freno e sullo stelo del freno per garantire un ottimo serraggio;  non sforzare eccessivamente la vite freno per evitare spanature o rotture.
Maggiori info in questa scheda.
Per maggiori info su come effettuare il cambio dei freni, puoi visionare il video tutorial.

Tranquillo, a volte può succedere.
Ti raccomandiamo però di non stringere eccessivamente la vite per non danneggiarla, quando il freno non gira più non è necessario chiudere ulteriormente.
Rivolgiti al tuo rivenditore di fiducia presso cui hai effettuato l’acquisto o ad uno dei nostri rivenditori ufficiali.

Sospensioni

È importante specificare che la scelta delle sospensioni non dovrebbe dipendere dal loro colore. Il colore infatti è il modo per distinguere le sospensioni per la loro durezza. Quasi ogni telaio, per le sue caratteristiche tecniche, ha la propria combinazione di sospensioni, quindi bisogna assicurarsi di seguire questo criterio per prima cosa. I fattori che determinano la scelta delle sospensioni sono principalmente il peso dell’atleta e la pressione che viene applicata sull’attrezzo. Questa guida di darà maggiori informazioni.

Per avere sempre le sospensioni reattive e performanti, bisogna sostituirle ogni sei mesi.
Consiglio: è preferibile non sostituire le sospensioni a ridosso delle gare (meno di 1 settimana). Il cambio delle sospensioni comporta una variazione del comportamento dell’attrezzo che necessita di un tempo congruo di adattamento.
Per maggiori info su come effettuare il cambio delle sospensioni, visionare il video tutorial.

Sì, il cambio delle sospensioni è un’operazione relativamente semplice che si può fare tranquillamente a casa.
Per maggiori info su come effettuare il cambio delle sospensioni, visionare il video tutorial.

Roll-Line® ha uno standard di abbinamento delle sospensioni legato alla taglia del telaio (puoi trovare maggiori informazioni nella scheda tecnica di ogni telaio). Siccome ogni atleta può avere esigenze diverse, molti dei nostri rivenditori ufficiali propongono un servizio personalizzato qualora tu ne abbia bisogno. Segui i consigli del tuo allenatore o basati sulla tua esperienza e comunica l’eventuale necessità di un colore specifico al momento dell’acquisto.

Ricorda che il peso dell’atleta riportato nelle tabelline è solo uno dei due parametri da seguire. Bisogna sempre tenere in conto anche con quanta forza si preme durante gli esercizi. Il tuo allenatore può aiutarti a capire se hai eventualmente bisogno di una sospensione più morbida o più dura. Un’altra possibilità è che il colore della sospensione sia corretto ma che sia necessario regolare lo sterzo con il meccanismo di regolazione.
Questo video tutorial può darti maggiori informazioni.

La combinazione di diversi colori di sospensioni è possibile ma raccomandata solo se non si trova un adattamento ideale con le combinazioni standard. In generale possiamo dire che, di solito, il retrotreno ha una regolazione più rigida per agevolare la centratura delle trottole, mentre l’avantreno ha bisogna di essere più morbido per ottenere una maggiore agilità.  Se la regolazione a scatti non è sufficiente a farti trovare il tuo equilibrio fra stabilità e agilità potresti provare a montare delle sospensioni più morbide davanti rispetto a quelle che usi dietro. È comunque consigliabile iniziare per gradi, sostituendo solamente uno dei due gommini ricordando che di solito la sospensione superiore dovrebbe essere di una durezza inferiore rispetto a quella inferiore e non viceversa.

È molto importante rispettare i limiti previsti quando si regolano le sospensioni. Se vedi che la crociera è molto lasca e il dado di regolazione è molto vicino alla vite di sicurezza, vuol dire che hai bisogno di una sospensione più morbida. Se al contrario, vedi che il dado è molto chiuso e il piantone è parzialmente scoperto vuol dire che ti serve una sospensione più dura.
Questa scheda ti spiega esattamente come dovrebbe presentarsi lo sterzo.

Cuscinetti

I cuscinetti per il pattinaggio hanno delle dimensioni standard di diametro esterno e profondità per una totale compatibilità con ruote e telai. I cuscinetti possono essere aperti, semi schermati o  chiusi e in genere hanno 7 sfere (lo Speed Max è l’unico ad averne 8). Il coefficiente ABEC è un buon indicatore dello scorrimento; più il numero è elevato è più il cuscinetto è performante.  In alcuni casi (come ad esempio per il rollerderby e l’in-line) i cuscinetti hanno il foro interno più largo a causa del diametro degli assi da 8 mm (Artistico e hockey utilizzano in genere assi da 7 mm).

Roll-Line® ha ideato i propri cuscinetti in base ai vari livelli o discipline.
Nella sezione del menù dedicata a cuscinetti troverai tutte le informazioni che cerchi.

Se usati in maniera assidua (allenamenti frequenti e agonismo) i cuscinetti andrebbero periodicamente sostituiti  (6 mesi) per garantire un’ottima prestazione dell’attrezzo. Una pulizia e una lubrificazione regolare contribuiscono ad un maggior mantenimento e durata del prodotto.

Sì, Roll-Line® ha creato prodotti specifici per la pulizia e la lubrificazione dei cuscinetti. È comunque importante evitare sostanze aggressive quali alcool, benzina, trielina etc. ed evitare di asciugare i cuscinetti con un getto d’aria troppo forte (compressore) per evitare il surriscaldamento della gabbia interna.
Per vedere come si puliscono i cuscinetti puoi guardare questo video.

Manutenzione

Si consiglia di sostituire tempestivamente le ruote per garantire un’ottima prestazione dell’attrezzo. Le ruote vanno sostituite quando presentano una forma conica laterale come indicato in questa scheda. Il cambio delle ruote non necessita di un tempo di adattamento ma è necessario verificare che le ruote abbiano uno stato di usura quanto più simile fra loro.
Per maggiori info su come effettuare il cambio delle ruote, puoi visionare il video tutorial.

Il freno deve essere sostituito tempestivamente per garantire un’ottima prestazione dell’attrezzo. In questa scheda viene indicato il massimo consumo del freno. L’usura eccessiva del freno può portare alla fuoriuscita di parti metalliche che possono risultare pericolose e che possono danneggiare le superfici delicate (es: legno, parquet).
CONSIGLIO: è preferibile non sostituire i freni  a ridosso delle gare (meno di 1 settimana). Il cambio dei freni comporta una variazione del comportamento dell’attrezzo che necessita di un tempo congruo di adattamento.
Per maggiori info su come effettuare il cambio dei freni, puoi visionare il video tutorial.

Per avere sempre le sospensioni reattive e performanti, bisogna sostituirle ogni sei mesi. Consiglio: è preferibile non sostituire le sospensioni a ridosso delle gare (meno di 1 settimana). Il cambio delle sospensioni comporta una variazione del comportamento dell’attrezzo che necessita di un tempo congruo di adattamento.
Per maggiori info su come effettuare il cambio delle sospensioni, visionare il video tutorial.

Se usati in maniera assidua (allenamenti frequenti e agonismo) i cuscinetti andrebbero periodicamente sostituiti  (6 mesi) per garantire un’ottima prestazione dell’attrezzo. Una pulizia e una lubrificazione regolare contribuiscono ad un maggior mantenimento e durata del prodotto.

È bene ricordarsi di sostituire periodicamente i dadi bloccaruote. L’anello autobloccante in teflon funziona per un numero limitato di cicli di avvitamento/svitamento per cui ti consigliamo di sostituirli almeno una volta ogni stagione.

Come tutte le altre parti del pattino anche (e soprattutto) le crociere vanno controllate per assicurarsi che non presentino assi piegati o il puntalino lasco o danneggiato.
Ti consigliamo di rivolgerti almeno una volta a stagione presso uno dei nostri rivenditori ufficiali per un controllo di tutte le parti del pattino.

Risoluzione dei problemi

Rivolgiti al tuo rivenditore di fiducia presso cui hai effettuato l’acquisto. Roll-Line® è in costante contatto con i suoi rivenditori ufficiali. Risolveremo il tuo problema molto velocemente.

Tranquillo, a volte può succedere. Ti raccomandiamo però di non stringere eccessivamente la vite per non danneggiarla, quando il freno non gira più non è necessario chiudere ulteriormente.
Rivolgiti al tuo rivenditore di fiducia presso cui hai effettuato l’acquisto o ad uno dei nostri rivenditori ufficiali.

Quando una ruota si “spiattella” cioè presente delle quadrature, non è da imputarsi alla qualità delle ruote ma altri motivi. Molto probabilmente stai usando una ruota non adatta alla superficie sui cui pattini; chiedi consiglio al tuo allenatore o ai tuoi compagni per conoscere la ruota che si usa di più dove ti alleni. Un’altra possibilità è che il pavimento presenti delle zone irregolare come un tassello del parquet o una mattonella disassata.

Probabilmente stai utilizzando una sospensione troppo morbida oppure hai stretto troppo il dado di regolazione dello sterzo. Questo tipo di inconveniente si verifica maggiormente in corrispondenza della crociera sinistra posteriore e destra anteriore che sono quelle maggiormente sollecitate dallo stacco o l’atterraggio dei salti ed in particolar modo interessano il gommino inferiore.  Potresti provare sostituire il gommino rotto con uno più duro, ricordando che (se decidi di usare due colori diversi) di solito quello superiore dovrebbe essere di una durezza inferiore rispetto a quello inferiore e non viceversa.

Questo avviene in genere quando le sospensioni sono o troppo morbide e/o sono state strette troppo. Questo porta ad avere una regolazione dello sterzo errata che comprime eccessivamente il gommino inferiore alterando la posizione del dado blocca sterzo. In questo modo durante l’atterraggio dei salti (e in particolar modo durante le cadute!) il dado urta contro il bordo interno della crociera, provocando dei graffi. In questo caso l’utilizzo di una sospensione inferiore più dura risolve il problema nella maggior parte dei casi.

Roll-Line® è costantemente impegnata nella ricerca di materiale sempre più resistenti ma è importante ricordare che anche le crociere sono una parte di consumo del pattino soggette ad un’importante usura. Se sei un’atleta di alto livello che si allena per salti complessi (e qualche volta ti capita di cadere) ricordati di controllare periodicamente le crociere per verificare che non presentino assi piegati o il puntalino lasco o danneggiato. Rivolgiti al tuo rivenditore di fiducia presso cui hai effettuato l’acquisto. Roll-Line® è in costante contatto con i suoi rivenditori ufficiali. Risolveremo il tuo problema molto velocemente.

Non ti preoccupare, questo è un fatto abbastanza comune dovuto alle sollecitazioni che si creano durante gli esercizi. Basta utilizzare le chiavi in dotazione con i telai per stringere il puntalino come mostrato in questa scheda. È pero buona norma controllare (ed eventualmente stringere) il puntalino periodicamente per evitare che l’utilizzo prolungato del puntalino svitato porti a danni più gravi.

La sede sferica è quella boccola in plastica rigida su cui appoggia il puntalino della crociera e fa sì che questo non tocchi direttamente il telaio. Quando si deteriora è dovuto al puntalino no regolato correttamente. Esso, infatti, deve premere sulla sede sferica con una leggera pressione. Se noti che la tua sede sferica presenta delle crepe o delle parti mancanti, rivolgiti al tuo rivenditore di fiducia presso cui hai effettuato l’acquisto.

Roll-Line® risponde molto velocemente alle richieste di informazioni inviate alla mail info@roll-line.com ma per l’acquisto o la sostituzione delle parti di ricambio devi sempre rivolgerti ad uno dei nostri rivenditori ufficiali.

In-line

La piastra Linea è l’unica che offre la possibilità di regolare la curvatura del rocker. La scelta di questa regolazione è personale ma in generale: le posizioni 1 e 5 hanno rocker 9’’, le posizioni 2 e 4 hanno rocker 8’’ e la posizione 3 ha rocker 7’’. La differenza fra le posizioni 1/5 e 2/4 sta nella posizione più o meno avanzata della ruota centrale.
Per maggiori info puoi consultare questa scheda.

Il sottopunta è un piccolo triangolo di plastica che può esser usato quando il Linea viene montato con le scarpa da ghiaccio. Queste infatti hanno la punta leggermente curvata e il sottopunta viene usato per riempire lo spazio fra piastra e suola senza modificare la scarpa e garantendo così un ottimo trasmissione della pressione. Il sottopunta non deve essere usato se il Linea vien montato su scarpe di tipo Planar specifiche per rotelle.

Il diametro delle ruote è relazionato alla misura del Linea. In particolare le taglie 7 ¼ e 8  usano il diametro 64, le taglie 8 ½ e 9 il diametro 68, la taglia 9 ¼ il diametro 72 e dal 9 ¾ in su il diametro 76. Non è possibile utilizzare delle ruote più grandi rispetto a quelle indicate mentre è tecnicamente possibile utilizzare delle ruote più piccole ma ciò comprometterebbe in parte la velocità.

I paracolpi vanno applicati sul perno posteriore per proteggere il telaio e il pavimento da graffi e urti.
In questo video tutorial trovi tutte le indicazioni su come applicarli.

Il pattino Linea ha dei componenti che devono essere usati obbligatoriamente. Assicurati di montare sempre i distanziali fra i cuscinetti (anche quando cambi le ruote, controlla che ci siano anche in quelle nuove) e controlla periodicamente lo stato delle rondelle ondulate. Queste piccole rondelle hanno il compito di assicurare un’ottima chiusura del dado e dei perni che tengono in asse le ruote per cui è fondamentale che siano sempre in buono stato.   Con l’utilizzo possono diventare piatte, per cui se noti degli oscillamenti nelle ruote questa potrebbe esserne la causa. Ricordati di controllarle spesso e, soprattutto, se accidentalmente dovessi perderne una ricordati che devi sostituirla al più presto!

Ricordati di controllare lo stato dei cuscinetti, delle rondelle ondulate e di verificare la presenza dei distanziali. Se tutti componenti citati sono in ordine allora potrebbe voler dire che hai stretto troppo l’asse posteriore, prova svitarlo di un quarto di giro o meno. Ricordati che la velocità con cui scorrono le ruote “a vuoto” è un dato relativo, quando ci pattini sopra, il tuo peso le farà scorrere comunque!

Tutti i prodotti